7 Caratteristiche Stupide Di Hosting Web

Una delle regole principali per una buona strategia di marketing è quella di definire con chiarezza, fin da subito, la vostra proposta di vendita. Ciò consente ai consumatori di sapere esattamente che cosa vi distingue dalla concorrenza. Questa regola può essere applicata da ogni azienda, indipendentemente dal settore.

Tuttavia, affinché abbia effetto, la proposta deve essere chiara, concisa e soprattutto accurata.

Oggigiorno, vi è una forte concorrenza tra le aziende di hosting, per primeggiare in uno spazio di mercato in crescita dove c’è sempre più domanda da parte dei consumatori. Infatti, le aziende fanno di tutto affinché i loro servizi si distinguano dalla concorrenza.

Il problema sta nel fatto che molte delle affermazioni che le varie società di hosting fanno, vanno dalla verità all’inverosimile.

Anche se alcune di queste affermazioni sono abbastanza semplici da discernere (vale a dire, pagare per un mese oppure avere mesi di servizio gratuito), molte di queste possono facilmente trarre in inganno un consumatore alle prime armi.

Cercate di non farvi abbindolare e tenete ben chiaro in mente cosa cercare in una società di hosting, e meglio ancora, imparate a distinguere le classiche offerte “accalappia clienti”.

In questo articolo vi propongo le sette caratteristiche più insensate che le società di Hosting Web sfruttano attualmente per avere nuovi clienti.

  1. La larghezza di banda e / o lo Storage illimitati

hosting caratteristiche

Diciamocelo – niente di ciò che vale avere nella vita ti viene offerto gratuitamente, e le società di Hosting Web non sono di certo un’eccezione! CPU, cavi di rete, RAM del computer, sono tutti elementi necessari per l’esecuzione di un server di hosting e ciascuno di questi ha un proprio costo.

Così come lo spazio di memorizzazione e il suo aumentare a seconda dei bisogni, tutti questi elementi devono essere in continuo aggiornamento per poter soddisfare le nuove esigenze: ricordate che le società di hosting hanno bisogno di acquistare di più per soddisfare il crescere delle necessità dei clienti, e questo costa!

Chi pensate vada a coprire il costo dei nuovi elementi tecnici? La società di hosting? Aspetta e spera…lo coprirete voi!

Se le società di hosting hanno bisogno espandere le proprie capacità tecniche a causa delle esigenze dei propri clienti – i costi vengono fatturati proprio a loro (quindi a voi). Detto questo, in modo semplicistico possiamo affermare che più larghezza di banda e spazio di archiviazione si richiede, e più alti saranno i costi.

In verità, anche se sottosrcivete a uno dei piani di hosting illimitato, il servizio può diventare in seguito limitato in qualche modo che adesso vi spieghiamo.

Ad esempio, alcune società di hosting riducono l’utilizzo della CPU, una volta che si supera la soglia stabilita dalla società stessa. Altre, bloccano tutti i siti dell’utente fino a quando questi non accetta un contratto ad un costo più elevato.

Ogni azienda ha le proprie regole, soglie, e le definizioni di “uso normale” – tocca a voi poi determinare se fanno al caso vostro quindi attenzione a questi dettagli.

  1. Google Analytics

È ovvio che offriranno la connessione a Google Analytics! Google Analytics, infatti, è un servizio gratuito fornito da Google, non dalla società di hosting! In realtà, è possibile iscriversi e accedere ai dati di Google Analytics indipendentemente da quale Hosting Web si usi.

Iscrivetevi e configurate il servizio Analytics visitando Google.com/analytics. Più o meno, si tratta di creare un account Google, installare alcuni semplici script in tutto il sito, e collegare i due attraverso l’interfaccia di Google Analytics. L’hosting Web non centra nulla!

  1. Supporto di file Javascript e DHTML
supporto file su hosting web

supporto file su hosting web

Molti clienti di hosting sono stati ingannati da questo finto servizio offerto – dopo tutto, quando (X) si comincia a varcare il confine del regno della tecnologi, ci sono tanti proprietari di siti web che non hanno familiarità con questo mondo.

Non fatevi ingannare dalle sigle o dalle parole tecnologiche; per dirla tutta, questi tipi di file vengono eseguiti dal client side. Detto questo, non esistono particolari esigenze del server di hosting web per supportare questi file – praticamente sono supportati da qualsiasi hosting normalmente!

  1. Assistenza email 24 X 7

email 24/7 hosting

Pensateci: quando è possibile inviare o ricevere una email? Naturalmente 24 ore su 24! Prima di fare ipotesi, fatevi confermare dalla società di hosting qual è il tempo di risposta garantito per il cliente.

Fatevi questa domanda semplice semplice…Qual è l’orario di lavoro effettivo del loro servizio clienti?

  1. Garanzia Uptime del 99%

Una garanzia al 99% sembra un ottimo affare – dopo tutto, qualsiasi servizio che abbia queste percentuali è considerato buono, giusto? Sbagliato! Fatevi i conti: se ci sono 365 giorni all’anno e ognuno ha 24 ore, ciò significa che ci sono 8760 ore di funzionamento all’anno. Un Uptime del 99%, garantisce il funzionamento del vostro sito per 8672.4 ore.

Dal punto di vista del consumatore, vuol dire che si potrebbero avere 87,6 ore di inattività, ovvero quasi quattro giorni! Per i siti di e-commerce, ciò comporterebbe una perdita di guadagni considerevole!

Solo per la cronaca, niente al di sotto del 99,9% è da considerare accettabile quando si aprla di ecommerce mentre per i siti e blog normali è accettabile il 99%.

  1. Supporto WordPress, Joomla e Drupal

Questo punto ci riporta al punto 2 di questo articolo. Infatti, come Google Analytics anche WordPress, Joomla e Drupal possono funzionare su quasi qualsiasi piattaforma, e quindi l’host web che si utilizza non centra davvero nulla.

Questi tre sono i più diffusi sistemi precostituiti di gestione dei contenuti (CMS) che consentono agli utenti di organizzare, costruire e gestire un sito web comodamente. In genere, anche senza conoscere gli HTML o i linguaggi di programmazione.

La fregatura è che non c’è beneficio per l’installazione “one click” di queste opzioni CMS, come previsto dalle società di Hosting Web. L’installazione “one click” vi farà risparmiare tempo rispetto all’installazione tradizionale ma in effetti non è fondamentale nei requisiti che deve avere uno hosting web.(X)

Quindi, chiarite l’esatto livello di assistenza: i loro servizi di hosting saranno fisicamente in grado di hostare i siti gestiti da questi CMS (X)? Forniscono supporto tecnico per siti su queste piattaforme? E l’installazione “one click” è disponibili gratuitamente (X)? Prima di impegnarvi nell’ acquisto (X), fate chiarezza su questi punti.

  1. Supporto Webalizer e Awstats

Il punto fondamentale qui è che sia Awstats e Webalizer sono terribilmente obsolete come statistiche da utilizzare per il vostro sito web(X) e, non avendo tenuto il passo con la tecnologia in rapida crescita di oggi, non possono più fornire dati significativi. Google Analytics è veramente il migliore ed è gratuito, quindi eliminate Awstats e Webalizer dal vostro vocabolario. I fornitori di hosting farebbero bene a fare lo stesso.

Ci sono innumerevoli affermazioni insensate che le società di hosting web dichiarano nel tentativo di rendere più appetibile il loro servizio rispetto a quello dei concorrenti.

Come regola generale, ricordate che la qualità delle caratteristiche è sempre migliore rispetto alla quantità. Se l’organizzazione di hosting che state prendendo in considerazione per la vostra scelta, vi promette una lista di 5 o 50 caratteristiche, cercate di capire cosa vi sta promettendo esattamente e chiedete conferma sul livello effettivo del servizio.

Quando si tratta di supporto per software o terze parti (come Google Analytics), trovate il tempo per visitare il sito della società per capire se si tratta di una piattaforma autonoma su cui l’organizzazione di hosting si sta appoggiando o se è un servizio offerto direttamente da loro (e quindi compreso nel prezzo).

Non abbiate timore di parlare di tecnologia – imparate anche il significato di base dei termini è fondamentale per scegliere il miglior hosting possibile. E soprattutto non abbiate paura di fare domande.

Se la società di hosting fornisce risposte confuse, non abbiate paura di chiedere di più. Siate l’avvocato di voi stessi, quando state per scegliere la società di hosting, è più probabile arrivare a una decisione se si fanno domande per essere a conoscenza di tutto ciò che serve sapere.

Saremmo felici se lasciassi un tuo commento!

      Leave a reply